ESTRATTO DI FICUS COMPOSTO 60 ml € 13.50

€13.50

Solo 1 rimanente

Categoria ESTRATTI Tag ESTRATTI
Integratore alimentare in soluzione glicerinata utile per favorire fisiologicamente i processi digestivi. Ingredienti: estratto di Ficus gemme - estratto di Malva - estratto di Melissa .
La sinergia di questi estratti migliora i processi digestivi lenisce i tipici bruciori allo stomaco
e migliora quel senso di pesantezza alla pancia.
Modo d'uso: diluire in poca acqua 30/40 gocce da prendere mezzora prima dei pasti.
Nostra produzione

La Ficus carica è un gemmoderivato impiegato in gemmoterapia per la gastrite e i bruciori di stomaco causati dalla somatizzazione dell’ansia. Quest'azione è dovuta essenzialmente ad un meccanismo di tipo di encefalico. Infatti, nel cervello si trovano i centri nervosi che controllano la secrezione degli acidi gastrici e la motilità intestinale.

Se soffriamo emotivamente di disturbi d’ansia, per la tendenza a mantenere le cose sotto controllo è estremamente probabile che il nostro fisico somatizzerà sviluppando un’eccessiva produzione di succhi gastrici, fino ad arrivare, nei casi più gravi, a gastrite cronica e ulcera. La Ficus carica è perciò indicata a chi ha spesso lo stomaco teso; a chi presenta spasmi gastrici, acidità di stomaco, dispepsie o digerisce con difficoltà di origine nervosa

Proprietà del fico

Il gemmoderivato della pianta del fico ottenuto dagli estratti meristematici, agisce nelle forme di tipo psicosomatico acute o croniche a carico del sistema gastrointestinale. Tale attività è da attribuirsi agli enzimi digestivi contenuti nelle gemme. Sono stati isolati inoltre: composti furocumarinici, zuccheri, mucillagini.

La sua assunzione regolarizza la motilità gastrica e normalizza la secrezione dei succhi digestivi, esercitando un’azione antinfiammatoria sulle mucose. Viene perciò impiegato nel trattamento di ulcere gastroduodenali, gastriti coliti, nelle distonie neurovegetative, e come coadiuvante per i problemi digestivi a carico dello stomaco (difficoltà digestiva da diete iperproteiche, sonnolenza postprandiale e pesantezza epigastrica).